“Man and Woman”: la scultura in movimento che racconta l’amore drammatico

Ali e Nino sono due ragazzi che si innamorano perdutamente. Lui, Ali, è un musulmano dell’Azerbaijan. Lei, Nino, è principessa cristiana della Georgia. Rinnegando i precetti delle rispettive religioni, e dunque rinnegati dalle loro famiglie, decidono di unire le loro vite e sposarsi, vivere felici, avere figli, nonostante la povertà e mille ostacoli. Ma il destino li mette a dura prova: in Azerbaijan scoppia la guerra, causata dall’occupazione delle Armate Rosse, e Ali viene chiamato a combattere. E muore. Lei, in territorio ostile, con i bambini e distrutta dalla morte del suo compagno, è costretta a ritornare in Georgia. Questa drammatica storia, tratta dal libro del 1937 “Ali e Nino” dello scrittore Kurban Said, è ciò che ha ispirato la bellissima scultura in movimento realizzata da Tamara Kvesitadze dal titolo “Man and Woman”: un uomo e una donna che si avvicinano, si baciano, per poi “trapassarsi” in un metaforico abbraccio d’addio che li lascia l’uno di spalle all’altro, per sempre. L’opera, composta da due statue d’acciaio alte 8 metri, impiega 10 minuti a compiere questo atto d’amore, un lento e doloroso inno all’eternità di un sentimento. Si trova nella cittadina balneare di Batumi, in Georgia, dove ogni giorno alle 19.00 compie il suo destino. Pura poesia.

http://tamarastudio.com/

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s