“Eye Contact Experiment”: come sarebbe il mondo senza smartphone

Si chiama “Eye Contact Experiment” ed è un esperimento sociale in cui più di 100.000 mila persone, in oltre 150 città differenti, si sono fermate per un minuto ed hanno guardato in faccia uno sconosciuto. L’iniziativa nasce dall’idea di The Liberators, un movimento internazionale nato a Perth, in Australia, da un gruppo di persone appassionate che vogliono dimostrare che, aldilà di tutte le nostre differenze, tra le persone può sempre regnare amore, pace ed umanità. Dunque hanno pensato di realizzare questo esperimento, ispirandosi alla performance art di Marina Abramovic, in cui hanno invitato i passanti a spegnere i loro cellulari, sedersi per strada e guardare negli occhi uno sconosciuto. L’obiettivo era dimostrare come l’interazione umana sia più potente di qualsiasi interazione tecnologica e il risultato è stato una serie di reazioni meravigliose: sguardi complici, sorrisi che da imbarazzati si trasformano in un abbraccio, commozione, gioia, speranza. Tutto ciò è avventato lo scorso 15 ottobre per le strade di Melbourne, Stoccolma, Rio De Janeiro, Vancouver, Tel Aviv, Vienna e non è difficile pensare che a breve sarà ripetuto nuovamente.

http://www.eyecontactexperiment.com/

Advertisements

2 thoughts on ““Eye Contact Experiment”: come sarebbe il mondo senza smartphone

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s