Storie di migranti: la street art di Pejac

Creare meravigliose opere di street art lavorando sulle croste dei muri abbandonati: è ciò che ha fatto Pejac, street artist spagnolo, che è stato nel campo profughi palestinese di Amman, in Giordania, per lasciare il suo “graffio” artistico e raccontare le storie di vita di chi abita questo posto. Sorto nel 1948, al termine della guerra arabo-israeliana, il campo ha raccolto milioni di persone in transito verso la speranza di una vita migliore . Le opere, dal titolo “Throne”, “Kite”, “Migration” e “Palestina”, sono delicate ma potentissime: un pezzo di poesia in mezzo all’orrore.

http://www.pejac.es/#new-page

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s