Casa Horta: la meravigliosa casa spagnola dell’interior designer Guillermo Santomà

Nel più recente numero della rivista “Apartamento” hanno messo in evidenza questo gioiello: Casa Horta, una casa casa unifamiliare del 1920 che si trova a Barcellona e che è stata rivitalizzata dal giovane designer Guillermo Santomà. Usando vibranti sfumature di vernice verde, rosa e blu per delineare lo spazio, e realizzando sfondi magnificamente saturi, Santomà – con l’aiuto di soli 5 ragazzi – è riuscito a rinnovare magnificamente lo spazio. Gli interni – sviluppati su 3 piani – riverberano di vita, giustapponendo mattonelle tradizionali spagnole con piccole mattonelle rosa degli anni ’80, trasformando le scale in geometrie decorative e e fornendo una nota creatività con un “lucernario” finto che in realtà è un soffitto dipinto blu con le nubi. Splendida!

Fools Travel -Praga d’inverno

Impossibile descrivere Praga d’inverno se non attraverso aggettivi positivi. Romantica, intensa, calma, ordinata, viva, poetica, storica, struggente. In qualsiasi zona ci si trovi, gli occhi si riempiono di bellezza: dall’atmosfera sospesa del suo simbolo, il Ponte Carlo, alla magia del centro storico, Staré Mesto, con la sua piazza incredibile e il labirinto di viuzze medievali; dal fascino della zona ebraica, Josefov, con l’intensità del cimitero ricoperto di neve e la bellezza delle sue Sinagoghe, alla pittoresca zona di Mala Strana che porta al Castello e la sua celebre storia. Per non parlare poi della Casa Danzante – iconico edificio che riproduce nelle sue forme la celebre coppia di ballerini Fred Adstair e Gingers Rogers, realizzato dall’architetto Frank Gehry – o della vita brulicante intorno Piazza Venceslao, lungo viale che è effettivamente il centro commerciale e amministrativo della città. La vera forza di Praga, tuttavia, è camminare senza meta nelle sue vie: tra viste mozzafiato, buonissimo cibo locale, spazi verdi e un’atmosfera rilassata, non può che conquistare e rimanere scolpita nei ricordi.

Testo e foto: Daniele Messina

Fools Travel – InstaTrip a Parigi

Parigi non ha bisogno di spiegazioni: è solo da vivere, assaporare, sentire. Parigi è passeggiare liberamente per i suoi viali alberati, è scorgere improvvisamente la Tour Eiffel da strade poco frequentate, è ammirare i suoi tetti così poetici, è meravigliarsi degli scorci romantici, è sognare guardando la Senna da uno dei suoi ponti, è rilassarsi bevendo un caffè a Montmartre, è perdere lo sguardo su panorami mozzafiato. Parigi è questo e molto altro ancora, perché ognuno ha la propria Parigi e ognuno porta il proprio piccolo pezzo di magia in questa splendida metropoli.

Foto e testo: Daniele Messina

Foto del Giorno – Il bambino che tenta di fermare il corteo omofobo

14265054_780863035387293_7104196115217332084_n

Il fotografo messicano Manuel Rodríguez ha pubblicato sul suo profilo Facebook una fotografia scatta a Celaya, in Messico, che mostra un bambino con le braccia allargate nel bel mezzo di una strada: sta cercando di fermare il corteo omofobo organizzato dal “Fronte Nazionale per la Famiglia”, che tenta di opporsi alla modifica della costituzione messicana che permetterebbe alle persone dello stesso sesso di sposarsi. Nella didascalia, Rodriguez scrive: «Mi viene la nausea vedendo così tanta omofobia tutta insieme, ma preferisco portare con me l’immagine di questo ragazzo che cerca da solo di “fermare” la manifestazione». Il bambino, di soli 12 anni, è stato raggiunto dal fotoreporter per capire il perché del suo gesto: “Ho uno zio gay e non voglio che sia odiato” è stata la sua risposta.

InstaTrip: la bellezza evergreen di Londra

Quest’estate Fools Journal è stato un po’ in giro per il mondo e vi aspettano numerosi reportage fotografici. Il primo viaggio, in ordine cronologico, è stato nella evergreen Londra: la city che non smette mai di stupire per bellezza, quell’atmosfera sempre frizzante – come se qualcosa di meraviglioso sia sempre sul punto di accadere – movimentata, immensa e stilosa. E, nonostante la Brexit, pronta ad accogliere chiunque. Ecco una galleria dei suoi angoli più o meno noti.

Foto di Daniele Messina

Parigi: i materassi abbandonati diventano street art!

Se siete a Parigi, attenzione a dove mettete i piedi: potreste inciampare in pezzi giganti di sandwich, sushi, pizza e merendine. Ma non spaventatevi, non sono reali, bensì il risultato del nuovo lavoro artistico di Lor-K dal titolo Eat Me: l’artista infatti ha pensato bene di trasformare i numerosi materassi che si trovano abbandonati per strada in opere d’arte. Armato di scotch, filo, stoffe, tanta pazienza e ancora più creatività, ecco come trasformare i rifiuti in sculture di street food. We like it!

http://www.lor-k.com/

“The Floating Piers”: completata l’opera di Christo sul Lago D’Iseo

Da sabato 18 giugno, in Italia, sarà possibile camminare sull’acqua. Non è uno scherzo, ma un’opera d’arte dal titolo “The Floating Piers“, realizzata da uno dei maggiori rappresentanti della land art nel mondo, Christo Vladimirov Yavachev. L’artista bulgaro naturalizzato americano ha, infatti, appena concluso sul Lago D’Iseo, in Lombardia, una passerella galleggiante lunga oltre 3 chilometri, larga 16 metri e alta 50 centimetri, che unisce Sulzano con Monte Isola (la più alta isola lacustre d’Europa e la più grande d’Italia) e l’isola privata di San Paolo. L’opera sarà visitabile fino al 3 luglio, gratuitamente e per 24 ore, anche di notte, possibilmente senza scarpe. The Floating Piers è il primo progetto concluso dall’artista dopo la morte di sua moglie, Jeanne Claude: lo avevano ideato insieme e proposto prima a Tokyo e poi a Rio de la Plata. Dopo una ricognizione nel nord Italia, l’artista ha ritenuto che questo punto del lago d’Iseo fosse il migliore per realizzare l’opera, subito accolta con molto entusiasmo dai sindaci dei paesi coinvolti. Sembra che l’opera attirerà oltre 10mila visitatori e porterà oltre 49 milioni di euro sul Lago D’Iseo.

http://christojeanneclaude.net/