Le incredibili fotografie macro che evidenziano la meraviglia delle piume di pavone

Il fotografo turco Can Tunçer ha praticato la fotografia macro per circa 7 anni e recentemente ha realizzato un progetto che immortala in maniera incredibile le sfumature di colore presenti nelle piume dei pavoni. Utilizzando tre diverse lenti ad un ingrandimento 10x, 5x e 3.7x, il fotografo è riuscito ad esplorare la bellezza colorata di queste piume incredibili, che da secoli hanno ispirato artisti e designer di tutto il mondo e in molteplici ambiti. Nell’arco di due settimane, Tunçer ha scattato oltre 1.500 immagini, ritraendo i particolari di ciascuna piuma, per poi combinarle e arrivare alla realizzazione di un’unica immagine finale: ogni singola immagine utilizza dunque circa 40 diverse macro fotografie. Chapeau!

https://500px.com/-can-

Advertisements

I colori elettrici delle città asiatiche

Per ben otto anni, il fotografo francese Yann Lecoeur ha percorso le città asiatiche e ha catturato i colori elettrici delle sue strade. L’artista francese, che è anche ingegnere del suono, è considerato “l’oreille d’or” della fotografia francese per quella capacità di riuscire ad immortalare i suoni, i colori, i motivi di un luogo semplicemente “sentendo” la sua atmosfera. Date un’occhiata!

https://www.instagram.com/malakyte_studio/

Fools Travel – Sweet Home…Chicago!

Anche quest’anno Fools Journal ha messo piedi negli Stati Uniti ed è tornato tra le strade della polverosa ed elettrizzante Chicago: terza città più grande degli States, culla dell’architettura moderna – con grattacieli dalle viste incredibili come la Willis Tower e l’Hancock Center o Oak Park, il quartiere quasi interamente composto dalle case progettate da Frank Lloyd Wright -, patria del jazz e del blues, luogo simbolo della multiculturalità, perla della regione dei Grandi Laghi, conosciuta come The Windy City per i venti che la attraversano durante tutto l’anno. Una città speciale, vibrante, piena di arte – the Art Institute of Chicago è infatti uno dei musei più belli del mondo, per non parlare delle sculture di Mirò e Calder sparse per le sue strade – e perfetta da visitare soprattutto in primavera/estate, quando le gelide temperature invernali sono un ricordo lontano e la gente si riversa per strada per vivere i suoi mille eventi. Pronti a partire?

https://www.instagram.com/danmess11/

Fools Travel – Puglia

Dopo la pausa estiva, Fools Journal è tornato!

E non può farlo senza ricordare i luoghi, gli scorci, i sapori e i tramonti che ha incontrato. La prima tappa del nostro viaggio ci porta in Puglia, in particolare nella provincia tarantina e brindisina e barese, con la bellezza eterna di alcune perle della Valle d’Itria – Martina Franca, Locorotondo e Ceglie Messapica -, le suggestioni della costa ionica salentina – Gandoli, Piri Piri e Maruggio -, la bellezza delle ceramiche di Grottaglie, l’imponenza della gravina a Massafra  e i colori inconfondibili di questo meraviglioso lembo di terra.

Enjoy!

https://www.instagram.com/danmess11/

Parigi fotografata dal bus 60

La fotografa Camille Léage ha realizzato un brillante progetto fotografico dal titolo “Bus 60” in cui racconta Parigi fotografandola dal finestrino di un autobus cittadino, la linea 60 per l’appunto. Una linea che attraversa diversi quartieri, per un risultato che è uno spaccato incredibile sulla diversità culturale che anima la capitale francese, i mille volti che la abitano, le abitudini e i colori di ciascuna zona, con scene che sembrano quasi set cinematografici. Top!

http://camilleleage.com/

“Half Half Travel”: i viaggi a metà di una coppia a distanza

Becca e Dan sono una coppia di fotografi che, a causa del lavoro, hanno dovuto affrontare un periodo di lontananza. Per sentirsi più vicini, e per continuare a condividere la loro passione per i viaggi, hanno dato vita ad un progetto dal titolo “Half Half Travel“: fotografie che mostrano per metà il luogo in cui si trova Becca e per l’altra metà il luogo in cui si trova Dan. Immagini che sono quasi delle singole lettere d’amore e che indicano la continua presenza di uno nella vita dell’altro. Ecco dunque mash up di paesaggi colombiani e sudafricani, di San Francisco e del Portogallo, dei diversi tipi di caffè e vino bevuti, delle diverse architetture, stagioni e creazioni artistiche, per un risultato brillante e – why not – romantico.

https://www.instagram.com/halfhalftravel/

Fotografia: le “donne anonime” di Patty Carroll

Patty Carroll, fotografa inglese trapiantata negli Stati Uniti, ha realizzato un progetto fotografico dal nome “Anonymous Women” in cui indaga sui ruoli che le donne assumono – e hanno assunto in passato – all’interno della vita domestica. L’ispirazione è arrivata dopo aver passeggiato tra le bancarelle di un mercatino delle pulci e antiquariato: tutte quelle stoffe, quegli oggetti, quelle sfumature le hanno fatto venire in mente i diversi tipi di donne che animano le case e le famiglie in giro per il mondo. I ritratti – non a caso – vedono le donne sepolte dalla tappezzeria e gli utensili delle loro stanze. Spesso annullate, umiliate, ma anche forti e coraggiose, il progetto è insieme un omaggio e una denuncia il cui intento è spronare le donne ad essere libere da qualsiasi convenzione sociali e – senza alcun ruolo assegnato dal genere – libere.

http://pattycarroll.com/

“Bouquet”: i fiori sui volti di chi si ama

Simone Paccini, fotografo ligure classe ’95, attraverso il progetto “Bouquet” ha voluto raccontare l’amore in modo delicato, onirico, concentrandosi solo sulla forza di un’emozione. Come? Immortalando i suoi soggetti con un bouquet di fiori a coprirgli il volto e sottraendo, dunque, una componente identitaria e carnale, per restituire quanto di più bello c’è nel sentimento: la delicatezza, la bellezza, i colori, i profumi.

https://www.simonepaccini.com/