Polonia: la pista ciclabile che si illumina al buio

A Lidzbark Warminski, nel nord della Polonia, è stata realizzata una pista ciclabile luminosa, composta da materiale sintetico, che emette una luce blu elettrica per dieci ore di fila – dunque durante tutta la notte – dopo essere stata ricaricata dal sole diurno. L’invenzione, ideata dal TPA Instytut Badań Technicznych Sp. z o.o., è ancora in fase di sperimentazione ma permetterebbe di incrementare la sicurezza dei ciclisti.

 

Vilnius: lo street artist che fa scomparire i filobus

Se vi trovate a Vilnius, in Lituania, potreste imbattervi nelle creative opere di street art dell’artista locale Liudas Parulskis, il quale ha deciso di abbellire i filobus della città rendendoli “invisibili”. Come? Ricoprendoli completamente con delle maxi fotografie dei paesaggi urbani della città, in modo tale da creare un illusione ottica al loro passaggio. Il progetto fa parte del “Vilnius Street Art Festival” ed è stato realizzato in collaborazione con l’agenzia creativa Studio Vieta. Love it!

https://www.facebook.com/saduil

Matera: un hotel contemporaneo tra i Sassi

Il centro storico di Matera, meglio conosciuto come “I Sassi”, è un meraviglioso esempio di come l’uomo abbia saputo adattarsi alle caratteristiche del territorio, abitando in grotte naturali scavate nella roccia già a partire dal paleolitico. Oggi il sito, dichiarato Patrimonio Mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, è un altro straordinario esempio di come si possa riconvertire un paesaggio rurale in un paesaggio contemporaneo, turistico e di design: le grotte sono infatti diventate case, strutture ricettive, ristoranti e gallerie d’arte, senza perdere però il loro fascino unico e antico. Un esempio è l’Hotel La Dimora di Metello, realizzato dal duo di architetti Manca Studio, i quali hanno trasformato 300 metri quadrati di abitazione-grotta in un meraviglioso hotel contenente un centro benessere, 4 suite e uno spazio comune, in cui elementi tradizionali e d’avanguardia comunicano in maniera impeccabile.

http://www.mancastudio.it/

Fools Travel – InstaTrip a Parigi

Parigi non ha bisogno di spiegazioni: è solo da vivere, assaporare, sentire. Parigi è passeggiare liberamente per i suoi viali alberati, è scorgere improvvisamente la Tour Eiffel da strade poco frequentate, è ammirare i suoi tetti così poetici, è meravigliarsi degli scorci romantici, è sognare guardando la Senna da uno dei suoi ponti, è rilassarsi bevendo un caffè a Montmartre, è perdere lo sguardo su panorami mozzafiato. Parigi è questo e molto altro ancora, perché ognuno ha la propria Parigi e ognuno porta il proprio piccolo pezzo di magia in questa splendida metropoli.

Foto e testo: Daniele Messina

InstaTrip: la bellezza evergreen di Londra

Quest’estate Fools Journal è stato un po’ in giro per il mondo e vi aspettano numerosi reportage fotografici. Il primo viaggio, in ordine cronologico, è stato nella evergreen Londra: la city che non smette mai di stupire per bellezza, quell’atmosfera sempre frizzante – come se qualcosa di meraviglioso sia sempre sul punto di accadere – movimentata, immensa e stilosa. E, nonostante la Brexit, pronta ad accogliere chiunque. Ecco una galleria dei suoi angoli più o meno noti.

Foto di Daniele Messina

“The Floating Piers”: completata l’opera di Christo sul Lago D’Iseo

Da sabato 18 giugno, in Italia, sarà possibile camminare sull’acqua. Non è uno scherzo, ma un’opera d’arte dal titolo “The Floating Piers“, realizzata da uno dei maggiori rappresentanti della land art nel mondo, Christo Vladimirov Yavachev. L’artista bulgaro naturalizzato americano ha, infatti, appena concluso sul Lago D’Iseo, in Lombardia, una passerella galleggiante lunga oltre 3 chilometri, larga 16 metri e alta 50 centimetri, che unisce Sulzano con Monte Isola (la più alta isola lacustre d’Europa e la più grande d’Italia) e l’isola privata di San Paolo. L’opera sarà visitabile fino al 3 luglio, gratuitamente e per 24 ore, anche di notte, possibilmente senza scarpe. The Floating Piers è il primo progetto concluso dall’artista dopo la morte di sua moglie, Jeanne Claude: lo avevano ideato insieme e proposto prima a Tokyo e poi a Rio de la Plata. Dopo una ricognizione nel nord Italia, l’artista ha ritenuto che questo punto del lago d’Iseo fosse il migliore per realizzare l’opera, subito accolta con molto entusiasmo dai sindaci dei paesi coinvolti. Sembra che l’opera attirerà oltre 10mila visitatori e porterà oltre 49 milioni di euro sul Lago D’Iseo.

http://christojeanneclaude.net/

Fools Travel – Lisbona vista dai suoi chioschi

Il fotografo britannico Richard John Seymour ha deciso di raccontare la bellezza di Lisbona attraverso i suoi chioschi. Dapprima obsoleti, poi ravvivati grazie all’intervento dell’imprenditrice locale Catarina Portas, che insieme all’architetto João Regal ha dato vita ad una loro singolare architettura, composta da una miscela di stili orientali e art nouveau. Il risultato è che i chioschi sono diventati una parte essenziale della città e svolgono un ruolo sociale ormai insostituibile: le persone si fermano per placare momentaneamente la loro sete e la fame, parlare della loro giornata, acquistare i biglietti della lotteria, tabacchi e giornali. In altre parole, sono uno degli elementi costituenti del carattere affascinante della città portoghese, che in questo progetto viene raccontata in tutto il suo splendore.

http://www.richardjohnseymour.com/

Chicago: la street art esplosiva di Collin van der Sluijs

Lo street artist olandese Collin van der Sluijs ha appena completato un pezzo sbalorditivo a Chicago, nella zona del South Loop, che rappresenta due tipiche specie di uccelli dell’Illinois immersi in un’esplosione di piante e fiori. Van del Sluijs utilizza spesso, nei suoi lavori, il tema della natura come strumento di studio psicologico delle interazioni umane ed animali. Il lavoro è un tripudio di colori, di linee e di creatività che ridà vita ad un tipico palazzo statunitense, dalle dimensioni immense e fatto di mattoni.

http://collinvandersluijs.com/